ateco

Codici ATECO

ATECO che cos’è? Un elenco di attività economiche consentite. In data 22 Marzo 2020, il Presidente del Consiglio dei Ministri, ha disposto all’art. 1, comma 1, lett. a), la sospensione di “tutte le attività produttive industriali e commerciali, fatta eccezione di quelle indicate nell’allegato 1”. Trattasi di una disposizione che non permette di lavorare con i droni fino al 3 aprile 2020, ma non tutte le attività, però, leggendo l’allegato 1 del DPCM si evince che non tutte le attività sono vietate. La tabella con i codici ATECO identifica le attività svolte quindi non sono soggette alle limitazioni di cui all’art. 1 del DPCM. Tuttavia, il codice ATECO 74.20.12, nel quale sono annoverate le attività di riprese aeree nel campo della fotografia non è presente nei codici ATECO ma sappiamo anche che non si può generalizzare in quanto le operazioni specializzate non possono essere considerate semplici operazioni di video riprese aeree, e d’altro canto non esiste nessun codice ATECO per poter identificare tali operazioni per un operatore SAPR.

Scarica qui l’elenco dei codici ATECO

Logo ombra dentro vuoto

Ludicità e Covid-19

I piloti hobbisti, non potendo uscire di casa a causa dell’emergenza, non può pilotare un drone a meno che il volo non avvenga in aree di proprietà e che il volo rispetti a pieno il regolamento SAPR. Sottolineiamo che nel giardino di casa adiacente ad altri edifici residenziali o industriali è difficile che si possa creare il giusto ambiente per eseguire un volo ricreativo trovandosi appunto in uno scenario urbano. Quindi APR ITALIA consiglia di valutare la situazione prima di ogni volo e di non farsi cogliere dall’impulsività e la voglia di volare in un momento emergenziale come quello attuale che tutto il nostro paese e non solo, sta subendo con grandi perdite di vite umane.

qr-code-156717

1° Marzo 2020

APR Italia informa tutti i soci che a seguito della nuova decisione ENAC, oltre all’obbligo del conseguimento del nuovo patentino per hobbisti, sarà obbligatoria anche la registrazione del proprio drone dal 1° Marzo 2020. Fino al Febbraio scorso le registrazioni venivano effettuate sul sito ENAC, ma ora ha passato la palla a D-Flight e dal 1° Luglio le vecchie registrazioni presenti in elenco su ENAC verranno automaticamente eliminate.

CHI HA L’OBBLIGO ALLA REGISTRAZIONE A D-FLIGHT?
Tutti coloro che pilotano per hobby e per lavoro. Gli hobbisti hanno fino al 1° Luglio 2020, APR Italia consiglia di non avere fretta in quanto nuove disposizioni vantaggiose potrebbero giungere da parte di EASA.

QUANTO COSTA?
La registrazione al portale D-Flight serve per l’identificazione del prorpio drone, in pratica come se fosse il vostro numero di targa, ed è così che vi verrà rilasciato il QR-Code.

  • Piloti Pro: € 96,00 per ogni drone + € 24,00 abbonamento annuo
  • Piloti hobbisti: € 6 euro per chi vola solo per hobby.

DOVE SI FA?
Tramite il sito d-flight.

E PER I TRECENTINI?

Identica regola anche per loro con in vigore (Art. 12 comma 5 regolamento ENAC) ossia tutte le operazioni su ogni scenario, anche in città, diventano automaticamente operazioni NON CRITICHE. Quindi il pilota non dovrà ottemperare alla dichiarazione di rispondenza, ma sarà obbligatoria la registrazione su D-Flight per ottenere il QR-Code che dovrà essere applicato come tutti sul proprio radio controller che al drone.

PILOTI PROFESSIONISTI

Dal 1° marzo 2020, gli operatori di SAPR impiegati solamente per uso professionale hanno tempo fino a l 1 luglio per registrasi). Senza aver eseguito la registrazione su D-Flight e ottenuto il QR-Code, non potranno svolgere nessuna attività professionale o ricreativa.

Corsi drone

Corsi

Organizziamo corsi per il conseguimento della certificazione specifica per ogni pilota, con il supporto di centri di addestramento, convenzionati con tutte le dovute abilitazioni a norma di legge.

APR Italia è un riferimento per il mondo dei droni alla portata di tutti.